Tags Posts tagged with "whatsapp"

whatsapp

5

Sarà presto disponibile un nuovo aggiornamento di Whatsapp per gli utenti Apple. Aggiornamento che stupirà gli utenti della piattaforma iOS. Il sito che ha svelato le novità che saranno introdotte è stato iPhoneItalia attraverso anche qualche screenshot.

Come prima cosa ci sarà la possibilità di integrarlo sull’ Apple Watch. Parliamo di integrazione non di app nativa, che a quanto pare arriverà più avanti. Il nuovo aggiornamento darà la  possibilità di aprire Whatsapp per leggere i messaggi direttamente dall’Apple Watch

In secondo luogo verrà esteso l’utilizzo di WhatsApp Web anche per iPhone. Infatti questa funzionalità non era possibile utilizzarla se non per dispositivi Android e i Windows Phone 8.x .

Novità anche per quanto riguarda l‘interfaccia grafica, ormai ferma da due anni e basata sullo stile iOS 7. La nuova UI cercherà di allinearsi al nuovo stile introdotto su Android.Image-from-Tweetbot-3

Ottimizzazioni  per le chiamate VoIP. Rispetto alla concorrenza le chiamate vocali effettuate con WhatsApp consumano più traffico dati.   Con il nuovo aggiornamento ci sarà la possibilità di selezionare un’opzione per il risparmio dei   GB di traffico utilizzati ma a discapito della qualità.

Image-from-Tweetbot-1-614x341

Verranno introdotte anche nuove funzionalità: Like nei messaggi, opzione Non Letto, Notifiche 2.0 e Silenzioso.  L’aggiornamento permetterà di mettere un Like ad un contenuto multimediale (ricordiamo a tale proposito che WhatsApp è stata assorbita da Facebook) o di selezionare i messaggi come letti o non letti. Inoltre ci sarà la possibilità di personalizzare le  notifiche  per le singole chat e una funzionalità silenzioso che permetterà di mettere il Muto a determinate conversazioni.

Schermata-2015-07-14-alle-12.50.13

 

10

Voci di corridoio dicevano che il debutto delle videochiamate WhatsApp sarebbe avvenuto in tempi brevi. Tale funzionalità, considerando l’enorme popolarità che ha l’app, potrebbe togliere una bella fetta di mercato, e creare pertanto un qualche nervosismo, alle rivali: WeChat, Skype, Viber ed Hangout.

Secondo le ultime news le videochiamate di Whatsapp, già in prova da diverso tempo, sarebbero dovute essere rese pubbliche verso la fine di maggio; cosa che a quanto pare non è stata. Ciò che incuriosisce è che pare che non ci sia stata nessun problema nello sviluppo. A cosa potrebbe essere stato dovuto il ritardo? Cercheremo di tenervi informati al riguardo. Nel frattempo potete continuare a videochiamare con le altre App facendo sempre attenzione al traffico dati. :-)

9

Tra le diverse novità su gli aggiornamenti di telegram troviamo la possibilità di eseguire alcune operazioni di editing sui video prima di inviarli come: ritagliare, ruotare o modificare l’effetto, e anche la possibilità di inviare più video contemporaneamente con annesse delle didascalie.
Altra chicca, che forse la maggior parte di noi stava aspettando, è l’aggiunta di nuovi sti7774d9e6e144006908ckers, che ormai sono arrivati a una quarantina, e il loro raggruppamento in un pannello apposito. Grazie a ciò ora potremo accedere a tutta la lista dei nostri stickers tramite un semplice tasto posto nella barra di testo e non saremo più costretti a ricordarci a quale emoticons erano collegate le varie immagini. Il pannello sarà attivabile o meno dalle impostazioni dove troveremo anche una piccola anteprima di quali sono le emoticons che sono collegate ai vari stickers.

Sempre parlando di stickers, avremo la possibilità di scaricare nuovi set direttamente dal sito https://telegram.me/addstickers/Animals e di crearne personalizzati per poi condividerli con tutti.
Tutte queste novità, molto interessanti, fanno capire come Telegram stia spingendo  per implementare sempre più funzioni utili e divertenti che lo faranno diventare, molto probabilmente, il nuovo client di messaggistica  di riferimento.

11

Perche’ molti hanno puntato su Telegram? Ci sono gia’ servizi affermati come Viber, LINE e WeChat, quindi perché dirigersi su un servizio completamente nuovo? Forse per fare tendenza ?? Ma sarebbe un po’ azzardato.

Io sono uno di quelli che al progetto Telegram crede tanto, specialmente perché sarebbe bello vedere un progetto Open Source vincere sui software proprietari dato che, cose del genere, è raro che accadano.

La  forza di Telegram  è sicuramenteo la privacy ed è anche la “scusa” alla quale molti utenti fanno riferimento per cambiare. Perché Telegram cmq punta così tanto alla privacy?? Questo perchè  Telegram è stato creato da due ragazzi Russi e sappiamo tutti che la Russia non è proprio così libertina come è invece il nostro Stato. Così, Telegram, ha lo scopo di proteggere gli utenti e di renderli liberi dal controllo dello Stato.

Telegram non è invalicabile ma non è nemmeno così facile bucarlo. Vengono utilizzate API create appositamente e un protocollo chiamato MTProto che è veramente ben pensato: questo protocollo è basato su una crittografia simmetrica AES a 256-bit, la crittografia 2048 RSA e la Diffie–Hellman secure key exchange. E’ stato progettato in modo da essere ben protetto da molti tipi di attacchi.

Abbiamo circa 20 milioni di utenti registrati su Telegram ma, ad ad utilizzarlo non sono in tanti in quanto la maggior parte di utenti tende ad usare quello che fa tendenza e che ovviamente ha preso mercato.

Telegram risulta essere nella sua categoria una delle migliori applicazioni. Utilissima sia da pc che su tablet. Viene continuamente ottimizzata ed ogni volta fa passi da gigante. Ottima la gestione degli allegati di grandi dimensioni, sul consumo della batteria e sulla precisione dei tempi d’invio oltre come abbiamo gia’ detto di avere un occhio di riguardo sul rispetto della privacy, cosa non da poco.

13

Il servizio di messaggistica più usato sugli smartphone, ora è possibile utilizzarlo anche tramite PC.

Cosa bisogna installare? Non ci sta nessuna applicazione da scaricare sul pc, dovete solo tenere installato il browser Google Chrome. Allo stato attuale l’unica pecca è che funziona solo su questo browser. L’interfaccia che si presenta è veloce e funzionale. L’aspetto è simile a quella presente sugli smartphone.

Ma perchè usarlo da pc se lo si tiene su smartphone?

Domanda lecita! Ad esempio potrebbe risultare molto comodo per chi lavora spesso da PC e nello stesso tempo deve gestire gruppi di lavoro a cui mandare mole di informazioni in maniera costante, o semplicemente a chi risulta più comodo scrivere da tastiera. Di sicuro qualcuno ne troverà qualche giovamento da questa estensione.

Per funzionare, comunque, bisogna tenere l’app già installata sul proprio smartphone in quanto ci andremo ad interfacciare ad essa tramite il browser Chrome.

Primo step:

codiceQR
Immagine 1

Andiamo sul sito: https://web.whatsapp.com/ da google Chrome dove vi verrà visualizzata una schermata come da immagine 1. Qui troverete un quadrato, chiamato codice QR, che dovrete scannerizzare con la fotocamera del vostro smartphone nello step successivo.

Secondo step:

Apriamo whatsapp da smartphone e ci rechiamo sul menu dell’app. Premiamo sul bottone WhatsApp WeB e avviciniamo la fotocamera dello smartphone al codice QR che appare sul sito. Effettuata questa operazione verrete automaticamente indirizzati sulla webApp e potrete chattare direttamene da pc.

Importante da sapere è che WhatsApp Web si connette al telefono per sincronizzare i messsaggi e pertanto consuma traffico dati dal vostro smartphone.

Riepilogo requisiti:

– tenere installato google Chrome sul pc, download.

– tenere installato whatsApp su smartphone, download.

42

WhatsApp potrebbe arrivare sul desktop??

In quanti si sono chiesti perché WhatsApp non è disponibile su tablet o PC? La ragione in realtà è molto semplice, visto che la popolarissima app di messaggistica per smartphone utilizza la SIM e il numero di telefono come sistema di identificazione dell’utente. Nonostante ciò, WhatsApp sarebbe al lavoro su un sistema per permettere di accedere alle proprie chat anche da dispositivi diversi tramite il browser. Il blog AndroidWorld.nl ha infatti scoperto, nell’ultima versione dell’app per Android, riferimenti a un servizio denominato “WhatsApp Web”, con commenti sulle operazioni di login e logout da PC WhatsApp Messenger è sempre stato un sistema di messaggistica disponibile su un solo dispositivo per account, ma presto ciò potrebbe cambiare. Sempre secondo i segni trovati all’interno dell’apk, l’autenticazione avverrà tramite un QR code, dato che non esistono password per WhatsApp. 

Da quello che sembra, WhatsApp non abbandonerà l’identificazione tramite SIM, anzi la versione web richiederà un’autenticazione tramite l’app dello smartphone e sempre da qui sarà possibile effettuare il logout dagli altri dispositivi da cui si è effettuato l’accesso. Al momento si tratta comunque solo di congetture, visto che non c’è niente di ufficiale, seppure siano stati scovati messaggi degli sviluppatori di WhatsApp su GitHUB, con riferimenti al sistema di autenticazione da usare per il servizio Web, che dovrebbe avere indirizzo web.whatsapp.com.

13

Pare che Whatsapp stia per fare marcia indietro per quanto riguarda la doppia spunta, almeno così sembra. Infatti, dal prossimo aggiornamento, si avrà la possibilità di attivare o disattivare tale funzionalità.
L’idea di fare una “retromarcia” è scaturita ,all’incirca, dopo una settimana dall’attivazione della funzione. Idea, nata, a causa della polemica sorta sul web che si è andata ad espandere a macchia d’olio. Una delle poche volte che il web ha visto il pubblico Android, iOS e Windows Phone coalizzarsi contro una feature che è stata vista come una vera e propria violazione della privacy.

Lo scossone generato dalla reazione negativa dei consumatori è stata talmente forte che già nella beta era a disposizione di alcuni testers l’opzione per abilitare o disabilitare la doppia spunta blu. Ovviamente nel caso l’utente decida di non fornire la conferma di avvenuta lettura, a sua volta non avrà la possibilità di sapere quella dell’interlocutore. La data del rilascio  dell’aggiornamento al momento non è stata ancora ufficializzata.

RANDOM POSTS

5
Per accedere ai svariati servizi di Google sarà sufficiente un'email e uno smartphone. Secondo alcune fonti Big G starebbe provando una nuova modalità di...